Io sono quello scaramantico

Io sono quello scaramantico. Sono quello che dopo una vittoria del Novara ha portato in ufficio per i colleghi i “biscotti di Novara”, e da quel momento sono più le volte che si è vinto rispetto a quelle che si è perso. E per questo principio, tutte le volte che il Novara vince ora porto i biscotti ai colleghi. Io sono quello scaramantico. Sono quello che nella vita si è comprato una maglietta di Abercrombie & Fitch perchè “va giusto bene per lo stadio”. Peccato che quando l’ho indossata ho sempre visto perdere, e quella maglietta da 79 euro è finita nel cassonetto del non recuperabile. Io sono quello scaramantico. Sono quello che quando è in macchina e si avvicina ad un semaforo che in quel momento è verde, vengo impossessato dal demone perverso della scommessa e dico “se non viene arancione mentre passo, vinciamo facile”. E quando il semaforo rimane verde godo come un paguro. Io sono quello scaramantico. Sono quello che allo stadio mangia il panino con la salamella e il ketchup, tranne quando vado a vedere le partite di coppa dell’Inter. Perchè nell’anno della Champions, un mercoledì sera ho mangiato un panino con la porchetta, e poi l’Inter ha battuto il Chelsea e poi ha vinto pure la Coppa. A me la porchetta fa pure abbastanza cagare, perchè spesso è troppo “asciutta”, ma porta bene quindi la innaffio con litri di birra, perchè altrimenti mi si piazza a metà strada e non si smuove più.

Io sono quello scaramantico. Sono quello che lavora per un’Azienda che a metà Febbraio pretende che tu inserisca nel portale un piano ferie dettagliato fino al 31 Dicembre, e ti rompe la minchia se poi, durante l’anno, vuoi cambiare un giorno perchè hai un impegno improvviso che otto mesi prima non potevi prevedere. Io sono quello che non può seguire i ragazzi tutto l’anno, e poi essere fegato dalla tua Azienda in caso di Playoff o Playout. Ma  la sola pianificazione dei giorni di ferie da spendere eventualmente in caso si giochino certe partite, porta una sfiga assurda, e quindi ha fatto inserire da un collega quei giorni lì, che non capita ma se capita, i tuoi colleghi li mandi a fare in culo perchè te devi essere a soffrire sugli spalti.

Io sono uno così.

romeo

il grandissimo Romeo Anconetani, numero 1 degli scaramantici