Balotelli al Milan è un problema.

Dopo la vittoria allo Juventus Stadium, scrissi  “quando sei incudine stai, quando sei martello dai”, riferendomi alla quotidiana guerra tra il mondo Inter e il mondo Juve, sostenendo appunto come il mondo Inter, dopo quella vittoria, avesse tutti i diritti di sfottere i rivali, e che questi avessero dovuto accettare gli sfottò. A risultato invertito sarebbero stati i bianconeri a massacrare. Questo concetto è assolutamente ribaltabile all’acquisto del Milan di Balotelli. Balotelli al Milan è una cosa che non può non fare incazzare un Interista. Si può non ammetterlo, ci mancherebbe. Si possono trovare centinaia di argomentazioni volte a dimostrare e ad autoconvincersi che il passaggio a quelli al di là del naviglio sia addirittura positivo, perchè causerà loro l’autodistruzione. Possiamo raccontarcela, cantarcela e bercela tutti quanti insieme, ma Balotelli al Milan è un problema.

E’ un problema perchè vorresti spaccare la faccia a tutti quelli che oggi ti cantano in faccia “Balotelli uno di noi”, e che fino a ieri cantavano “Se saltelli muore Balotelli”, ma si sa che il tifoso di calcio è il primo incoerente per definizione. E’ un problema perchè nel giorno che il Milan lo annuncia, Moratti dice che “Paulinho forse è più facile che arrivi a Giugno“, a differenza dei Rocchi e degli (forse) Schelotto. E’ un problema perchè la cessione di Mario Balotelli dall’Inter al City è stata una sconfitta per l’Inter. Esattamente come quando ha venduto per esempio chiaviche come Recoba o Bergkamp, ovvero giocatori il cui tasso tecnico era enorme ma che non è mai esploso, con l’aggravante che Mario ha pure giocato a prendere per il culo i sacri colori che vestiva lodando quelli che vestirà da oggi. Balotelli al Milan è un problema, perchè è scritto che segnerà in un Derby. Lo ha fatto Ronaldo, lo ha fatto Ibra e lo farà lui. Il che non vuol dire che l’Inter perderà quei Derby, ma intanto il bruciore di stomaco sarà comunque forte.

Poi, se volete, ho anche argomentazioni più serie. Balotelli in Italia è un problema, perchè sarà inevitabilmente un bersaglio. Sarà un bersaglio di chi vorrà farlo oggetto di insulti razzisti, e soprattutto sarà vittima degli ipocriti che vorranno far passare per razzisti delle provocazioni che di razzista avranno poco o nulla, alimentando continue inutili discussioni sul tasso di civiltà di chi frequenta gli stadi, e sul grado di intolleranza e discriminazione del nostro bel Paese. Ad ogni partita si aprirà un processo e, francamente, se ne poteva fare anche a meno.

Se per voi non sarà così, vi invidio. Se davvero per voi Balotelli al Milan non cambierà la vostra vita di tifoso, meglio così. Io avrei preferito continuare a vederlo menarsi col Mancio in tv, nella ridente Manchester. Ma il mondo va avanti lo stesso. Show must go on.

WHYALWAYS