Tag

Cinesi, maledetti cinesi

Sono rimasto molto colpito dall’investimento dei Cinesi nell’Inter. Favorevolmente colpito, intendiamoci. Ma non ci avrei scommesso un euro nella conclusione di un’operazione simile, o meglio nei termini in cui è stata conclusa e presentata.

L’aspetto positivo a mio avviso è che la maggioranza resta saldamente in mano a Moratti. La cosa può o meno piacere a seconda del fatto si sia pro Presidente o contro, ma oggettivamente tutela l’Inter da eventuali operazioni speculative nel breve termine ad opera di perfetti sconosciuti o possibili avvoltoi incompetenti. Perchè un conto è essere guidati da un magnate stile Abramovich, ed un conto esserlo da una Società statale(?) Cinese. Il primo può anche essere garanzia di sviluppo di un progetto e di una certa continuità, il secondo aprirebbe ad un periodo di incognite e rischi. So perfettamente che l’ideale sarebbe stato trovare un nuovo Massimo Moratti degli anni 90, magari un po’ piu competente o almeno saggio quanto è diventato ora, però così non è, e avere la garanzia che la maggioranza delle azioni siano rimaste a casa onestamente mi tranquillizza. Non mi aspetto quindi roboanti colpi di mercato grazie ai cinesi, tuttavia dal denaro fresco può solo venire fuori finalmente qualcosa di positivo.

Se capisco l’euforia di Moratti per la chiusura dell’operazione, francamente capisco poco i motivi dell’investimento cinese nell’Inter. I nuovi ricchi stanno dimostrando di avere interesse nel calcio, ma di voler entrare da protagonisti. I nostri cinesini invece ci stanno per inondare di liquidità per mantenere solo una quota di minoranza. Essendo loro già un autentico colosso, possono essere così limitati da aver visto potenziali guadagni solo nella costruzione di un nuovo impianto sportivo entro 5 anni? Può essere solo una banale operazione commerciale che garantirebbe soldi freschi dall’Asia ma comunque non in misura tale da portare l’Inter a competere finanziariamente con i colossi Europei? Mi sembra strano. A mio avviso ci sono altre motivazioni.

Sono conscio del fatto che l’interesse dei cinesi nel nostro calcio sia comunque elevatissimo, e che la comunità cinese nel Nord Italia, o comunque in Lombardia, sia una delle piu numerose al mondo fuori dalla Cina, tuttavia continuo a non comprendere del tutto cosa ci sia realmente dietro. Per me c’è altro, che può essere un primo passo per una futura cessione totale dei Moratti piuttosto che della Pirelli, oppure che la Pirelli stessa abbia sfruttato l’Inter per entrare massicciamente in Asia. Non lo so, lo scopriremo nel tempo.

Non ho pregiudizi verso nessuno. Chi investe nel calcio con passione e competenza senza speculare sulla pelle dei tifosi merita il mio rispetto. Di qualsiasi razza e credo religioso. Se poi i nostri nuovi amici ci riempissero pure di massaggiatrici e trofei, meglio ancora