Jakala, maledetta Jakala 2 la vendetta

Eravamo quattro amici al bar. Come la canzone. In realtà eravamo ad un ristorante, ma il clima tra di noi era quello raccontato nella canzone di Paoli. Essendo noi maschi capaci in genere di sostenere discorsi solo su figa e calcio, ed essendo tutti reduci da una massacrante giornata lavorativa che ci aveva prosciugato da qualsiasi desiderio hard, ecco che il calcio faceva da padrone nei nostri ragionamenti. Tempi di Europei, ancora calda la vittoria sugli inglesi, si parlava di Balotelli, Prandelli e Buffon. Poi, con naturalezza, la mente pensante del gruppo (che sarei io ovviamente, che ve lo dico a fare?) se ne esce con la minchiata della serata: “andiamo a Varsavia per la semifinale?”.

Nella mia vita ho visto solo due partite della Nazionale, e nemmeno di recente. Mi sono esposto non più tardi di mezzo mese fà esprimendo le mie perplessità sul grado di interesse nella nostra rappresentativa, ma ovviamente, da incoerente cronico quale sono e perennemente impossessato dallo spirito del Geom. Filini, mi sono sentito nel dovere di organizzare qualcosa, o comunque di provare a lanciare l’idea. Ti aspetti che i tuoi amici di mandino a fare in culo, ed invece? Ed invece sembra che l’idea sia piaciuta. Quattro amici al bar. Quattro malati di Novara ed un paio anche di Inter e Juve, che mentre mangiano una tagliata di manzo con rucola e grana, sognano di essere a Varsavia per tifare Italia.

Bene, e adesso come si fà? Beh, non è che la mente pensante possa essere un pirla eh? Eh infatti sfodero l’aifon, vado sul sito della Figc e trovo il link magico : “info per Varsavia”. Ci clicco e mi compare questa foto:

Jakala, Jakala..Jakala Group… uhm…mi dice qualcosa..si, ma cosa? Aspetta, ah si…sarà mica Madrid 2010? Ma certo! Il calvario è lo stesso: manda una email, ti risponderemo. Preannuncio agli amici di abbandonare qualsiasi tipo di speranza circa l’economicità della trasferta e attendiamo.

Ore 10 di questa mattina, l’aifon vibra: arriva una email. Apro e leggo:

Il costo per persona da MILANO MALPENSA è di € 460 e include :

volo A/R

snack a bordo

assistenza di personale specializzato

transfer da e per lo stadio

Il biglietto partita 2° categoria costa € 150

Il biglietto partita 3° categoria costa € 45

se interessato prego rispondere entro e non oltre la mattinata di oggi alla mail….

Considerando che il biglietto di terza categoria sarà esaurito, l’operazione simpatia verso la nostra Nazionale, che si giocherà l’accesso alla finale, costerà 610 euro + ovviamente cibo, parcheggi in aereoporto ecc. ecc. Come per Madrid 2010, ritengo un esercizio superfluo ed inutile prendersela con la Jakala, perchè non è la Caritas di turno ma una Società che ci deve guadagnare. Il problema ancora una volta è a monte. Perchè non viene mai investito nei tifosi agevolandoli nella partita più importante della nostra storia post Berlino 2006? Perchè deve sempre essere ridotto il tutto ad un business, anche quando non ci sono di mezzo i cattivi ultras, le tessere del tifoso e soprattutto quando la Nazionale Italiana di calcio in questo Europeo ha dimostrato di avere il minor numero di tifosi al seguito? Ma soprattutto, se dovesse mai capitare che l’Italia andrà in finale, scommettete con me che i prezzi saliranno in area 800-1000?

Questa volta però la Jakala di turno non troverà più i petroldollari di 22.000 interisti, perchè l’Italia non ha 22.000 innamorati, e gli italiani, quando la Nazionale vince,  riescono ad unirsi riversandosi nelle piazze e nei bar. Le piazze delle nostre città diventano idealmente un solo, grande carrozzone dei vincitori, sul quale 56 mln di Italiani salgono per guardare schermi sempre più grossi. Chi perderà ancora una volta sarà il caro e vecchio seggiolino allo stadio. Certo, per una finale sicuramente le chiappe di qualche tifoso paraculato, con ingresso omaggio di uno sponsor, ci si siederanno sopra, ma non sarà la stessa cosa. Si è persa l’ennesima possibilità di dare modo anche a quelli che vogliono bene alla Nazionale, o comunque che amano lo stadio, di assistere ad un evento importante spendendo il giusto.

I quattro amici al bar si sono sentiti al telefono. E sapete che hanno deciso? Birra in mano e chiappe sul divano. La priorità nostra non è spendere 600 euro per la Nazionale. Peccato, con la gente come noi al seguito si vince sempre e comunque. Cazzi loro.